comunicato di solidarietà con le Comunità Zapatiste

COMUNICATO

ASSEMBLEA NAZIONALE DI GENUINO CLANDESTINO

ROMA 16 – 17 – 18 maggio ’14

 Chiapas-Escuelas-zapatistas

Il 2 maggio sarà ricordato come un giorno di lutto e porterà il nome di José Luis Solís López, “Galeano” della comunità zapatista della Realidad, Municipio Autonomo San Pedro de Michoacan, Chiapas, Mexico.

Il nostro cuore è ancora invaso dal dolore ma è con rabbia e indignazione che scriviamo questo comunicato.

Condanniamo energicamente l’attacco paramilitare organizzato, premeditato e perpetrato ai danni dei nostri compagni e compagne della Realidad da parte della Central Independiente de Obreros Agrícolas y Campesinos (CIOAC-Histórica), un’organizzazione paramilitare camuffata dietro una sigla che richiama alle lotte contadine ma che in realtà assomma al suo interno la peggio mescolanza dei partiti politici messicani ed è ad essi asservita e dagli stessi utilizzata per creare conflitti comunitari che producono solo divisione, dolore, distruzione e morte nelle comunità indigene e vantaggi per i partiti politici e per i tre livelli del governo messicano, federale, statale e municipale.

Sappiamo che l’aggressione del 2 maggio, fa parte di una strategia per annientare il progetto di autonomia zapatista che è iniziato alcuni mesi prima con il sequestro di un camion di medicinali che trasportava farmaci e strumenti per una comunità situata nel municipio autonomo General Emiliano Zapata.

Sappiamo che la costruzione, “fuori dalle regole comunitarie stabilite”, del dormitorio per promotori e promotrici di salute della clinica-farmacia Comandante Pedro che insieme ad altri gruppi e collettivi europei e messicani abbiamo costruito e in parte allestito, rappresenta solo un pretesto per alimentare la tensione da parte della CIOAC-H.

Sappiamo che la distruzione delle aule della scuola autonoma, dei veicoli delle famiglie zapatiste e della microclinica autonoma oltre all’agguato ai camion zapatisti che il 2 maggio viaggiavano, con a bordo diversi compagni, per raggiungere la Realidad, sono parte di un piano di provocazione studiato per alimentare la tensione, scatenare lo scontro e seminare morte.

Nel denunciare le responsabilità del Governo Statale del Chiapas e le complicità del Governo Federale Mexicano che proteggono, finanziano e addestrano gruppi paramilitari all’interno del loro piano di guerra a bassa intensità

Portiamo e porteremo per sempre dentro di noi il dolore per la morte del compagno “Galeano” e per i numerosi feriti, non dimentichiamo e non dimenticheremo la brutalità efferata di questa aggressione,  continuiamo e continueremo a lottare e a camminare insieme al movimento zapatista per costruire un futuro di libertà, autonomia e giustizia.

 

Roma, 17 Maggio 2014

 

 ASSEMBLEA NAZIONALE DI GENUINO CLANDESTINO